Cognitivista

cerebro_4

La psicologia cognitiva è una branca della psicologia che s’interessa dei diversi processi mentali (ad esempio quelli di percezione, attenzione, apprendimento, memoria, soluzione di problemi, presa di decisione ed uso del linguaggio) mediante i quali le informazioni vengono acquisite dal sistema cognitivo, elaborate, memorizzate e recuperate.

Secondo l’orientamento cognitivista, il nostro sistema cognitivo utilizza specifiche strutture (categorie e schemi) per organizzare le informazioni provenienti dall’esterno, compiendo scelte di priorità e cercando le vie più rapide per arrivare a formulare giudizi sulla realtà che ci circonda.

Le informazioni vengono selezionate, manipolate e organizzate dalla mente secondo modalità ricorrenti, che sono state acquisite nel contesto ambientale in cui la persona ha vissuto e nella quale ha fatto le proprie esperienze di vita.

Al termine dei processi di elaborazione il prodotto di conoscenza deve essere soggettivamente coerente con il sistema di conoscenze e valori che ha ciascun individuo.

In ambito clinico operare secondo l’approccio cognitivo significa intervenire soprattutto sui processi di pensiero e d’immaginazione definiti “automatici”, ovvero quelli eseguiti per tanto tempo e con tale frequenza da essere diventati poco o affatto percepibili da parte della persona.

Le convinzioni e gli schemi disadattivi che generano malessere, sono basati su alcuni “errori” cognitivi, ovvero su modi errati di utilizzare i processi di pensiero e d’immaginazione. Importanti teorici come Aaron Beck e Albert Ellis, hanno ad esempio sostenuto che i problemi di molti pazienti ansiosi o depressi sono da ascrivere al loro sistema di credenze e a pensieri irrazionali. Ad esempio, persone con un disturbo d’ansia potrebbero ritenere di essere ridicolizzati da altre persone, e questa credenza potrebbe essere all’origine del loro malessere.

In ambito terapeutico l’obiettivo è quello di fornire alla persona gli strumenti utili ad identificare i pensieri automatici che presentano gli errori cognitivi e di abituarla a modificarli attivamente, così da incidere indirettamente anche sulle convinzioni e sugli schemi patogeni.


Cerca

error: Content is protected !!